Crea sito

Benvenuti Nel Nostro Meraviglioso Paese!!/7

Nel clima di intolleranza che ha avvolto negli ultimi mesi il nostro paese, notizie come queste sembrano, ahimè, sempre più all’ordine del giorno. Spero che non perderemo la capacità di scandalizzarci, e la voglia di dire basta.
Leggete qui e qui, e riflettete. Di indifferenza in giro ce n’è già abbastanza.

Due piccoli update:

1) Eletto il nuovo presidente della commissione parlamentare antimafia, ed è il senatore del PdL Giuseppe Pisanu, ex Ministro dell’Interno. Per intendersi, quello che si rese protagonista di questa conversazione:

Pisanu: «Pronto».
Moggi: «Beppe!».
Pisanu: «Ciao Luciano come stai?».
Moggi: «Tutto bene tutto bene… insomma… risultati bene, poi critiche…».
Pisanu: «Senti Lucià! Io ti telefono perché so che sabato viene a trovarti il presidente della Torres Calcio…».
Moggi: «Io ti avrei chiamato stasera a casa».
Pisanu: «Eh, allora quando viene tu dagli la mia Apostolica Benedizione. Digli che lo ricevi grazie a me».
Moggi: «Vai tranquillo Beppe!».

Conversazione che continuava così:

Pisanu: «Allora Lucia’!».
Moggi: «No no ma adesso vediamo un pochino di studiarci perbene la cosa… Direi con la Juventus, vediamo un po’ di fare un lavoro, di ridare un po’ di entusiasmo. È chiaro che ora fino alla fine del campionato bisogna che la strada vada avanti nel migliore dei modi».
Pisanu: «E be’ con la speranza che non abbia… che so che abbia qualche manina di aiuto per salvarla dalla… da rischi gravi… insomma ecco!».
Moggi: «Ma perché ha problemi di retrocessioni?».
Pisanu: «E, oggi ci siamo ritrovati un arbitro… Che aveva già combinato guai. Lo hanno rimandato… l’hanno rimandato a Sassari mentre se lo potevano tenere da qualche altra parte».
Moggi: «Va bè, ora me la vedo io».

Quindi, se tanto mi dà tanto, siamo in buone mani.

2) Dal momento che ormai tutta l’informazione è in mano loro, e l’unico spiraglio son rimasti certi siti internet e soprattutto centinaia di migliaia di blogger, perchè non risolvere alla radice anche questo problema? Vi segnalo questo post per farvi un’idea: quante volte ribadiamo che un blogger non è un giornalista, ma una persona che scrive, tiene una sorta di diario online? Ora, a quanto pare questo va bene fintantoché si parli di "sole, cuore, amore", un pò meno quando si parla dei problemi nei quali affonda questo paese, peraltro visibili a tutti. Ci fosse modo di censurare il pensiero lo farebbero, state tranquilli: non essendoci (per ora) si limitano a cercare di condizionarlo con la paura. Vi immaginate se mi facessero causa per qualcuna delle esternazioni dinamitarde di cui ho infarcito questo blog? Se perdessi, come farei a rifondere i danni? In fondo esprimo solo le mie opinioni. Firmate la petizione e battiamoci contro la censura!

3 Risposte a “Benvenuti Nel Nostro Meraviglioso Paese!!/7”

  1. Ho letto che Maroni ha intenzione di schedare i senzatetto e di consentire la formazione “ronde” di privati cittadini (non si sa se armati)..che dire..i tempi che ci tocca vivere: questa arroganza verso i deboli, gli emarginati specie se stranieri che sfocia in atti di violenza..è un vero schifo.

    due ricercatrici dell’università di Verona hanno condotto un’accurata indagine che smentisce l’ orrenda diceria, la diffusa credenza dei rom, “rapitori di bambini”..chissà se servirà ad aprire gli occhi degli ignoranti…ne dubito molto…non mi risulta siano molti i media che hanno dato notizia di questa ricerca.

    Vabbè…ciao Hias, la tua presenza nel web è molto importante anche per tenere desta l’attenzione su queste cose.

    Ciao.

    quentin84

  2. Ho scritto “specie se stranieri”, ma, come dimostrano i fatti che hai citato, la violenza colpisce anche gli emarginati italiani..ma perchè la povertà suscita così tanto odio?

    quentin84

  3. Caro Quentin, spero vivamente che scrivere queste cose e tentare di svegliare la gente serva a qualcosa… fin quando ce lo lasceranno fare! Leggi l’update che ho fatto al post per capire di cosa parlo…

    ciao vecchio mio, grazie!

    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *